PayPal Give at checkout, per rendere felici e sani i bambini

#aziende, #educazione, #salute

Dal 10 al 24 giugno PayPal dedica in esclusiva a Mission Bambini la possibilità di donare 1€ mentre si fa shopping online attraverso il programma Give at Checkout. Perché fare acquisti fa (del) bene!

Di cosa si tratta 

Durante un acquisto online, scegliendo PayPal come metodo di pagamento, è possibile con Give at Checkout fare una donazione di 1€ al proprio ente benefico del cuore al momento del check-out.

Una piccola donazione che può aiutarci a rendere felici e sani tanti bambini e bambine attraverso i nostri progetti in Italia e nel mondo.

E c’è di più: PayPal copre le spese di transazione per le donazioni di Give at Checkout, quindi il 100% dell’importo donato viene accreditato direttamente sul conto Paypal dell’organizzazione beneficiaria della donazione.

Come funziona Give at Checkout?

Al momento del pagamento di un acquisto online dovrai scegliere PayPal per concludere la transazione; a questo punto ti verrà mostrata la tua carta di credito o conto corrente associato a PayPal e subito sotto una casella da spuntare con il logo di Mission Bambini.

Selezionando la casella accetti di donare 1 euro – che verrà aggiunto alla spesa – per i progetti di Mission Bambini.

Inoltre, è possibile anche selezionare Mission Bambini come “ente benefico preferito”: ogni volta che effettuerai un acquisto, anche al di fuori della finestra temporale dal 10 al 24 giugno, potrai scegliere di fare una donazione a Mission Bambini.

Questo non significa che la donazione sarà automatica: aggiungere Mission Bambini come associazione preferita significa poter scegliere, di volta in volta, di fare una piccola donazione al termine dei propri acquisti online.

Scegli Mission Bambini per i tuoi acquisti e aiutaci a rendere felici e sani tanti bambini!

L’esperienza di Yvonne, tutor volontaria

L’attività di tutoring con Mission Bambini si svolge nelle scuole medie di Milano, e ha l’obiettivo di sostenere gli studenti in difficoltà nello studio. Yvonne Di Francesco, 24 anni e tutor volontaria da quasi 3 anni, ci racconta la sua esperienza.

Il progetto di tutoring si è svolto di pomeriggio una volta a settimana per diversi mesi e ha rappresentato per me non solo un’opportunità di crescita personale, ma anche un modo per contribuire al benessere e allo sviluppo di giovani menti piene di potenziale.

Fin dal primo incontro sono rimasta piacevolmente sorpresa dall’energia e dall’entusiasmo dei ragazzi. La loro curiosità e la voglia di imparare erano evidenti, e questo ha reso ogni sessione un’occasione unica per condividere conoscenze e stimolare la creatività. Il programma era progettato in modo da coprire una vasta gamma di potenziali lacune e insicurezze educative dei ragazzi.

Uno degli aspetti che più mi ha colpito è stata la capacità dei ragazzi di lavorare in gruppo. Non tutti sono dei team player nati (e non tutti vogliono esserlo), ma vedere i miei studenti uscire timidamente dai loro gusci per lavorare non solo con i volontari, ma anche con i loro compagni di scuola, mi ha profondamente ispirata.

Un momento che ricorderò con particolare affetto è stato quando, davanti ai primi risultati ricevuti grazie ai loro sforzi, i ragazzi tornavano entusiasti a prendersi i (meritatissimi) complimenti. C’è un non so che di magico nel potersi rivedere nei ragazzi: le sofferenze, i litigi, le amicizie, i primi amori, il primo vero scontro con il mondo. Ci siamo passati tutti ovviamente, ma poter rivivere in qualche modo questo meraviglioso momento, e poter essere di aiuto e di supporto, fa davvero riflettere.

L’esperienza di volontariato con Mission Bambini mi ha infatti permesso di vedere quanto sia importante per i ragazzi avere un punto di riferimento adulto al di fuori del contesto scolastico. Ho avuto la possibilità di ascoltare le loro preoccupazioni, discutere dei loro sogni e offrire consigli. Questo tipo di interazione è cruciale per il loro sviluppo emotivo e sociale, e sono grata di aver potuto contribuire in qualche modo alla loro crescita. Inoltre, lavorare con un team di volontari ed educatori specializzati – appassionati e dedicati – è stato altrettanto arricchente. La collaborazione e il supporto reciproco hanno reso l’esperienza ancora più significativa, e ho avuto l’opportunità di fare nuove amicizie e di imparare dai miei colleghi.

In conclusione, la mia esperienza come tutor volontaria è stata incredibilmente positiva e gratificante. Ho imparato molto da loro, forse tanto quanto loro hanno imparato da me. Questa esperienza mi ha confermato l’importanza di investire tempo ed energie nelle giovani generazioni, perché sono loro il futuro della nostra società. Invito chiunque abbia la possibilità di dedicare del tempo al volontariato a farlo, perché è un’opportunità di crescita reciproca e un modo per fare la differenza nella vita dei giovani.

Le attività di volontariato con Mission Bambini sono tante, e tutte permettono di rendere felici e sani i bambini.

Scoprile qui »

A settembre, appuntamento con il Banco dei Desideri

#aziende, #educazione, #educazione italia

Banco dei Desideri 2024: il 6, 7 e 8 settembre partecipa insieme a noi alla sesta edizione!

Oppure, diventa volontario »

Basta poco per rendere felici i bambini e le bambine.

Matite e pennarelli, per disegnare un mondo di mille colori.

Libri e favole, per viaggiare con la fantasia.

Giochi e costruzioni, per diventare una principessa o un supereroe.

In Italia 1,3 milioni di minorenni vivono in povertà assoluta: per loro abbiamo creato il “Banco dei Desideri”, per regalare colori, libri e giochi.

Vieni a trovarci nelle librerie LaFeltrinelli di tutta Italia (trova quella più vicina a te nella mappa qui sotto), e aggiungi ai tuoi acquisti articoli per la scuola, il gioco e la lettura per tutti i bambini che stanno per iniziare un nuovo anno scolastico. Distribuiremo i prodotti raccolti alle scuole e alle strutture per la prima infanzia della tua città.

Scegli che cosa donare tra i prodotti suggeriti per bambini e ragazzi da 3 a 14 anni:

  •  Cartoleria: quaderni, prodotti di cancelleria, colori;
  •  Giocattoli: educativi, di società, puzzle, costruzioni, bambole, peluche;
  •  Libri: libri gioco, raccolte di favole, atlanti, dizionari, narrativa per ragazzi.

Ti aspettiamo, per offrire a tutte le studentesse e a tutti gli studenti il back to school che meritano.

Stiamo cercando volontari e volontarie per il Banco dei Desideri!

Con un impegno minimo di mezza giornata, nel weekend del 6-7-8 settembre, potrai aiutarci a raccogliere materiale scolastico per tanti studenti. Insieme renderemo felici i bambini e i ragazzi che stanno per iniziare un nuovo anno scolastico.

Compila il form, e potremo darti tutte le informazioni oltre che indicarti la libreria LaFeltrinelli più vicina alla tua zona di provenienza.

Voglio fare volontariato al Banco dei Desideri »

“Educativa digitale e corporea per una didattica innovativa”: il convegno dedicato a Stringhe

#educazione, #educazione italia, #Stringhe

Stringhe è il primo progetto in Italia a portare nelle scuole una metodologia didattica innovativa che integra educativa digitale e corporea; è promosso da Mission Bambini e selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. È un progetto nazionale realizzato in tre città – Milano, Napoli e Catania – con un lungo percorso alle spalle. È attivo da 4 anni, ma la sua genesi risale al 2018, anno in cui abbiamo iniziato a pensarlo.

Ne abbiamo parlato durante il convegno “Educativa digitale e corporea per una didattica innovativa” organizzato insieme ai nostri partner, che si è svolto il 9 maggio allo Stripes Digitus Lab c/o MIND, Milano Innovation District.

Ecco un video che racconta i tipi di attività svolte nelle classi:

Povertà educativa: il quadro del fenomeno nel nostro Paese

Povertà educativa” è un termine recente, introdotto per la prima volta  nel dibattito italiano da Save the Children. Come relazionato dal Prof. Ennio Ripamonti – Docente a contratto di ricerca-intervento di comunità all’Università Milano-Bicocca – durante il suo intervento al convegno, tale concetto fa riferimento a bambini e ragazzi che non solo si trovano  in una condizione di svantaggio economico e culturale, ma che sono  privati di esperienze educative significative (visite a musei, partecipazione a concerti musicali e spettacoli teatrali, pratiche sportive, lettura di libri…). Deprivazione che, col passare del tempo, diventa sempre più esistenziale, con tutte le conseguenze che ne derivano. 

Secondo Save the Children si parla di una “privazione da parte dei bambini e degli adolescenti della possibilità di apprendere, sperimentare, sviluppare e far fiorire liberamente capacità, talenti e aspirazioni”. 

La povertà educativa è strettamente legata alla povertà economica: provenire da quartieri fragili o da famiglie in condizioni di svantaggio materiale e socio-culturale intacca le esperienze educative dei bambini, fin dai primi anni di vita.

Il dato di cui dobbiamo tener conto è questo: in Italia la povertà assoluta è in crescita, e ciò si traduce in sempre più famiglie che non dispongono della possibilità di garantire ai propri figli una vita dignitosa. Questo fenomeno impatta sul 14% dei minori in Italia.

Bambini e ragazzi provenienti da famiglie fragili presentano una minor fiducia nel futuro. Per contro, smentiamo un luogo comune: la povertà assoluta non impatta sull’autostima: ragazzi e ragazze capiscono che il loro svantaggio li condizionerà nella vita, ma questo non intacca in modo così massiccio la propria autostima, al netto delle diversità di ognuno.

Un altro aspetto da tenere in considerazione è che la povertà si trasmette da una generazione all’altra e questo vale , anche per quella educativa (la carenza di stimoli culturali, sociali ed esperienziali ostacola un pieno sviluppo cognitivo ed emotivo del minore, riducendo così la probabilità che da adulto riesca a sottrarsi da una condizione di disagio economico), ma può essere sufficiente un solo anno di esperienze educative intense per iniziare a recuperare lo svantaggio iniziale. Difficile però che la sola scuola sia sufficiente a compensare questo gap. “Siamo condizionati ma non determinati”, disse il noto pedagogista brasiliano Paulo Freire: è possibile – attraverso esperienze fatte da scuola e territorio insieme – offrire opportunità di crescita che riescano a contrastare la povertà educativa.

Il corpo e l’attività sportiva

È importante rendere il più fruibile possibile l’attività sportiva in tutti i contesti periferici dove la povertà educativa si manifesta con più forza, perché le attività del corpo producono un’immagine positiva di sé del bambino e della bambina – come ha spiegato al convegno Giovanni Ghidini, Coordinatore Educativo di Fondazione Laureus Italia. Quando corre, quando salta, quando fa una capriola, quando ha equilibrio… il bambino si sente autore di tutto questo e porta con sé, nella vita, questa sensazione che comunque vadano le cose “io sono un bimbo che riesce, che ce la fa”. Un certo tipo di attività sportiva deve dunque declinarsi in maniera educativa senza perdere le sue caratteristiche. 

È inoltre importante che un bambino possa sognare. Ecco che allora lo sport non è altro che questo: il fatto che tu, quando fai un’attività sportiva, hai un sogno, hai la possibilità di fare qualcosa di buono, di bello, hai un desiderio a lungo termine. 

Sognare è anche una questione di fascino ed è qui che il reale del corpo ha avuto un alleato: il digitale. Questa alleanza è stata possibile tramite l’incontro tra Fondazione Laureus e Cooperativa Stripes.

Il reale incontra il digitale

Il tema che viene portato avanti è quello dell’innovazione tecnologica e dell’approccio al digitale fin dalla prima infanzia. Ma come si portano questi strumenti tecnologici ai bambini? Ce lo spiega Serena Bignamini, Coordinatrice Stripes Digitus Lab della Cooperativa Stripes.

Occorre innanzitutto dire che esiste una correlazione con la povertà educativa: il tema dei sogni, delle aspettative, del pensare di poter fare qualcosa anche se in questo momento mi sembra impossibile. Portare gli strumenti digitali e dare la possibilità ai bambini di utilizzarli è legato allo sviluppo del pensiero critico, del pensiero divergente, del saper porsi domande.

L’utilizzo del digitale non deve dunque essere passivo: i bambini hanno quotidianamente a che fare con la tecnologia, pensiamo per esempio che anche nelle famiglie con disagio economico è presente uno smartphone. La necessità è quella di portare una visione dei device che sia più attiva, di un approccio al poter capire come funzionano e un domani essere noi stessi costruttori di quella realtà virtuale in cui siamo ormai tutti inglobati. Il collegamento tra corpo e digitale è venuto poi naturale: insieme ai partner del progetto, ci siamo resi conto di come non possa esistere l’uno senza l’altro. 

Come far convivere questi due temi?

La deprivazione motoria e la possibilità di sviluppare competenze digitali in un contesto di fragilità socio-economica  necessitano di uno stesso intervento formativo combinato, e al convegno ne ha parlato Manuel Gentile, Ricercatore e responsabile della sede di Palermo dell’Istituto per le Tecnologie Didattiche – CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche.

L’apprendimento sta nella relazione, e nella relazione il movimento è fondamentale. Il corpo diventa quindi uno strumento essenziale; è dunque possibile lavorare su un’idea comune di metodologia integrata. Abbiamo provato a trovare un ambito che facesse da contenitore, e l’abbiamo trovato nel pensiero computazionale, anche se un po’ diverso da quello che veniva e viene allenato nelle tante iniziative progettuali che si fanno nel contesto italiano. Con Stringhe lavoriamo a una nuova idea che ha nel corpo e nelle relazioni sociali una nuova dimensione di analisi – grazie al supporto del Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto per le tecnologie didattiche.

Struttura del progetto “Stringhe: piccoli numeri in movimento”

Il cuore e i macro temi fin qui incontrati si ritrovano in Stringhe, in cui sono stati messi a sistema. Come esposto da Irene Villa, Project Manager di Mission Bambini il progetto presenta  tre caratteristiche fondamentali: vuole contribuire al contrasto della povertà educativa, con una proposta innovativa ed efficace.

Mission Bambini ha l’intuizione di vedere l’innovazione nel connubio tra il corpo e il digitale seguendo  un percorso di ricerca proveniente dall’Europa. Questa intuizione è stata resa concreta chiamando esperti del settore, intessendo una rete di partner e costruendo insieme a loro il progetto “Stringhe: piccoli numeri in movimento”. Questa la nostra grande scommessa: parlare di una metodologia che, quando è stato scritto il progetto nel 2018, non esisteva in Italia ed è tuttora in costruzione.

progetto stringhe

Il progetto Stringhe ha due cuori: quello della ricerca e della sperimentazione, e un cuore che risponde al bisogno sociale del contrasto alla povertà educativa. 

Come entriamo nelle classi?

Il progetto, con il passare del tempo, si integra nella realtà educativa, didattica e quotidiana della scuola. L’equipe di Stringhe, per ogni scuola, è composta da un educatore di digitale, un educatore di motoria e un consulente pedagogico. Quest’ultima figura è molto importante perché deve far sì che il progetto offra le stesse opportunità a Milano, come a Napoli e a Catania, e che sia effettivamente rispondente al bisogno specifico della classe o del bambino con particolari fragilità (da qui, il tema dell’inclusione).

Il consulente pedagogico, insieme agli educatori e agli insegnanti, cuce su misura della classe l’attività laboratoriale, in modo che le competenze vengano meglio interiorizzate: per fare ciò serve rispettare i tempi delle classi e dei bambini.

Un altro aspetto importante è rappresentato dal trasferimento di competenze: il progetto diviene  sostenibile quando si trasferiscono con successo  le competenze metodologiche al corpo docenti. Solo così Stringhe può continuare a vivere anche dopo la fine del progetto, prevista per giugno 2025.

Per ultima, ma non per importanza…

Nella seconda parte del convegno si è svolta una tavola rotonda alla presenza di Stefania Bocconi, Ricercatrice all’Istituto per le Tecnologie Didattiche – CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche; Elisabetta Dodi, Pedagogista e formatrice Area Servizi all’infanzia del Comune di Milano; Fabio Fraticelli, Chief Operating Officer in TechSoup; Pier Cesare Rivoltella, Professore ordinario all’Università di Bologna; Angelo Lucio Rossi, Dirigente dell’IC Alda Merini di Milano; ha moderato la tavola rotonda Sabina Bellione, Direttore tecnico area progettazione del Consorzio Nazionale CGM.

Il confronto ha offerto spunti utili per il prosieguo del progetto, che terminerà a giugno 2025 e che lascerà in eredità la Metodologia Integrata Stringhe di cui abbiamo parlato sopra.


Partner nazionali coinvolti: Cooperativa Stripes, Fondazione Laureus, CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto per le Tecnologie Didattiche, Palestra per la Mente.

A livello locale il progetto Stringhe è realizzato a Milano insieme a: Comune di Milano, IC “Cesare Cantù”, IC “Locatelli Quasimodo”, IC “Trilussa”, Fondazione Aquilone, Fondazione Maria Anna Sala. A Napoli insieme a: Comune di Napoli, 30esimo CD “G. Parini”, Associazione Celus. A Catania insieme a: Comune di Catania, IC “Dusmet-Doria”, Associazione Talità Kum.


Fonti:

Insieme a Mediobanca per garantire percorsi educativi di qualità

#aziende, #educazione, #educazione italia

Mission Bambini e il Gruppo Mediobanca consolidano la collaborazione avviata nel 2020, con l’obiettivo di garantire percorsi educativi di qualità ai bambini appartenenti ai contesti più fragili. In particolare, sostenendo il nostro progetto “Scintilla”, Mediobanca garantirà accesso gratuito al nido o alla scuola dell’infanzia per 15 bambini e bambine nelle città di Bari, Catania, Milano, Napoli e Roma. In aggiunta, grazie all’attività di volontariato aziendale promossa all’interno del Gruppo, verranno riqualificati gli spazi interni ed esterni delle strutture didattiche identificate.

Il progetto “Scintilla” è nato nel 2022 mettendo in rete cinque centri socioeducativi per la prima infanzia – le “Stelle Mission Bambini” – localizzati in contesti caratterizzati da scarsa offerta di servizi educativi. Grazie al progetto le famiglie più vulnerabili, impossibilitate ad accedere a strutture pubbliche o a sostenere il costo della retta in una struttura privata, beneficiano del servizio gratuitamente o con retta agevolata. Le Stelle, inoltre, supportano le famiglie, favorendo l’acquisizione o il potenziamento delle competenze genitoriali; realizzano attività extra-curriculari che promuovono la creatività, la crescita personale e le relazioni tra pari e con i genitori; formano i propri educatori su temi specifici legati all’infanzia; seguono linee pedagogiche comuni. L’obiettivo di questi servizi educativi, accessibili e inclusivi, è contribuire a realizzare il diritto all’educazione, al gioco, alla realizzazione personale dei bambini, aumentando la probabilità che da adulti si sottraggano alla condizione di disagio economico e sociale.

La riqualificazione attraverso attività di volontariato aziendale degli spazi ha l’obiettivo di creare luoghi accoglienti e luminosi, dove bambini e bambine possano giocare e svolgere le attività didattiche e i laboratori. Nello specifico, i dipendenti del Gruppo Mediobanca si occuperanno delle attività di tinteggiatura, manutenzione di aree verdi, creazione di orti e giardini didattici.

Goffredo Modena, Presidente di Mission Bambini, afferma: La nostra lunga esperienza ci ha insegnato che proprio i bambini che vivono in situazione di fragilità hanno maggior bisogno di opportunità educative di qualità, fin dai primissimi anni di vita. In questo modo possiamo contrastare efficacemente la povertà educativa: quell’insieme di fattori che impediscono ai bambini di esprimere le proprie potenzialità e realizzare le proprie aspettative. Ringrazio Mediobanca, che ha confermato la sua collaborazione sposando le finalità di questo nostro impegno, dopo aver sostenuto negli anni scorsi i nostri interventi per una scuola inclusiva, accogliente e attenta all’ambiente”.

“L’impegno di Mediobanca per l’inclusione sociale, in particolare per i giovani provenienti da aree svantaggiate, è una costante nel nostro operato. La rinnovata collaborazione con Mission Bambini è un ulteriore passo in questa direzione” commenta Giovanna Giusti del Giardino, Responsabile della Sostenibilità di Gruppo di Mediobanca. “Grazie al progetto ‘Scintilla’ contribuiamo a garantire alle famiglie più vulnerabili l’accesso ai servizi educativi, promuovendo la cultura della genitorialità e la crescita personale dei bambini. Tutto ciò è reso possibile anche dalla crescente partecipazione dei nostri dipendenti volontari che contribuiscono attivamente al successo di queste iniziative”.

La partnership con Original Marines: un futuro da costruire insieme

#aziende, #educazione, #educazione italia, #infanzia

I bambini rappresentano il futuro: scegliere di agire per loro significa contribuire oggi a costruire il futuro di domani. Per questo Original Marines, azienda leader nel settore dell’abbigliamento kidswear, promuove iniziative di valore in grado di sostenere i diritti dei più piccoli e fare concretamente la differenza.

L’iniziativa

Dall’1 al 10 giugno 2024, con una libera donazione all’interno di uno dei punti vendita Original Marines, sarà possibile sostenere i progetti educativi di Mission Bambini in Italia.

Grazie al contributo di ognuno potremo rendere felici e sani tanti bambini e ragazzi nelle scuole, attraverso attività di:

  •  promozione dello sviluppo psico-fisico;
  •  potenziamento e innovazione dell’offerta didattica;
  •  prevenzione dell’abbandono scolastico.

Realizzeremo le attività in scuole partner preventivamente selezionate, localizzate in contesti di forte povertà materiale ed educativa nelle città di Catania, Milano, Napoli e Roma.

La partnership

A partire dal mese di aprile, Original Marines ha scelto di essere al fianco di Mission Bambini e in particolare dei progetti educativi in Italia. L’impegno dell’azienda a favore della Fondazione si articolerà, nel corso dell’anno, in contributi e iniziative concrete che mettono a fattor comune donazioni economiche e azioni di volontariato d’impresa, attivando i dipendenti in attività come la riqualificazione degli edifici scolastici. Oltre all’impegno diretto dell’azienda, grazie all’ampia rete di negozi Original Marines su tutto il territorio italiano, anche i clienti avranno la possibilità di contribuire attivamente attraverso una libera donazione.

Goffredo Modena, Presidente di Mission Bambini, afferma: “Da oltre 20 anni il nostro impegno quotidiano è rivolto a bambine, bambini e famiglie che vivono nei contesti più difficili delle città italiane, dove povertà economica e povertà educativa si alimentano a vicenda. Il nostro obiettivo è offrire ai più piccoli la possibilità di uscire dall’emarginazione sociale, garantendo loro l’accesso a percorsi di istruzione ed educazione di qualità. Un grazie di cuore va quindi a Original Marines che ha scelto di essere al nostro fianco per offrire un aiuto concreto alle famiglie più vulnerabili”.

Diventare papà oggi

#educazione, #educazione italia, #infanzia

Ogni libreria, anche la più piccola, è piena di libri che spiegano alle future mamme cosa aspettarsi da questa nuova fase della loro vita. Ma ai papà chi glielo spiega? È vero, di maternità si parla tanto – anche se non sempre in modo adeguato – mentre di paternità non si parla affatto.

Il contesto: desideri e realtà

Tra il 2013 e il 2022, la percentuale di uomini che ha usufruito del congedo di paternità si è più che triplicata[1], confermando un trend ben visibile nella nostra società: i papà vogliono essere presenti nella vita dei propri figli. La paternità, e la definizione attribuita a essa, è in continuo mutamento: anche le donne madri richiedono maggiore partecipazione ai propri partner, e i padri non si accontentano più di un ruolo marginale nell’educazione dei propri figli[2].

Dopo decenni, se non secoli, di una statica definizione di paternità necessariamente distante, forte e autorevole, i neopapà di oggi si sentono intrappolati tra ciò che la società ancora richiede e i loro bisogni e desideri. Da un lato lo stereotipo di genere che impone agli uomini di essere, sempre e costantemente, protettori e colonna portante della famiglia, instancabili lavoratori e “poliziotti cattivi” nell’educazione dei figli; dall’altro lato l’esigenza e la volontà, sempre più documentate, di contribuire al lavoro di cura e alla crescita emotiva dei figli[3].

Gli stereotipi e i ruoli di genere sono comunque ancora difficili da superare. La visione patriarcale, spesso in noi implicita e nascosta che, ad esempio, raffigura l’uomo come fonte di reddito e la donna come padrona di casa, è tuttora presente nella nostra società. Nonostante l’evidente aumento di partecipazione da parte dei padri del terzo millennio nella vita dei figli, il lavoro di cura resta ancora prevalentemente un compito delle madri che, anche se lavoratrici, vedono ricadere su di loro la maggior parte del lavoro non retribuito di assistenza[4].

Il congedo di paternità in Italia

Sono solo 10 in Italia i giorni di congedo di paternità obbligatori e retribuiti al 100%. La normativa italiana non si discosta molto da quella di tanti altri stati dell’Unione Europea, che garantiscono anche loro lo standard minimo di 10 giorni richiesto dalle direttive UE o poco più, ma è anche vero che sono diversi i paesi che garantiscono un periodo retribuito più elevato[5]. La Spagna, per esempio, concede ai padri 16 settimane di congedo[6], la Finlandia prevede invece 160 giorni di congedo per genitore[7], mentre la Svezia è stata il primo paese al mondo a sostituire – addirittura nel 1974 – il congedo di maternità con il congedo parentale, garantendo oggi 480 giorni di permesso da suddividere[8].

In Italia è sicuramente ancora evidente come siano le madri a mettere in pausa la loro carriera lavorativa e a dedicarsi al lavoro di cura. Estendere il congedo di paternità è quindi una manovra necessaria per permettere una distribuzione più equa dei compiti – diminuendo di conseguenza la percentuale di madri che si sentono costrette a dover lasciare il lavoro – e per garantire una presenza più attiva della figura paterna sin dall’inizio. Immaginare un congedo parentale equo è anche fondamentale per avviare un cambiamento culturale diffuso, che sia in grado di scardinare gli stereotipi di genere e la definizione prettamente patriarcale di famiglia.

Ognuno è padre a modo suo

Quando si parla di paternità, ma anche di maternità e di educazione e crescita dei figli, c’è una certezza: non esiste una ricetta perfetta. Ognuno è padre a modo suo ed è necessario allontanarsi dal rischio di ricadere in un’altra definizione stereotipata, anche se diversa da quella patriarcale che si sta cercando di superare. Il proprio bambino o bambina non arriva al mondo con una guida, anzi, la sua nascita è una rivoluzione e un cambiamento radicale che porta con sé emozioni e paure. Permettere a se stessi e autorizzarsi, come padri, a essere e a esercitare un maschile differente rispetto a quello che ci portiamo dietro culturalmente è, di per sé, un punto di partenza fondamentale per immaginare una paternità diversa rispetto a quella che ora sta stretta a molti neopapà.

È importante immaginare l’arrivo di un figlio anche come la nascita di una triade composta da diverse persone, i cui ruoli sono non solo tutti importanti, ma anche necessari. La figura paterna in questo triangolo non è una figura secondaria, ma invece ha un compito fondamentale che spesso viene tralasciato a livello sociale: quello di aiutare madre e figlio o figlia ad avviarsi ognuno verso il proprio spazio, fungendo da mediatore verso l’esterno. Il papà ha l’importante ruolo di essere, in primo luogo, la protezione al cambiamento, facilitando poi in seguito la donna a riprendere il proprio spazio personale e la propria autonomia, e il bimbo o la bimba ad allontanarsi dal legame simbiotico che inevitabilmente si crea con la mamma.

Terzo tempo: che tipo di papà vuoi diventare?

In questo momento storico di forte cambiamento, ciò che è necessario è quindi uno spazio sicuro e non giudicante per i neopapà, dove è possibile essere vulnerabili e immaginare – grazie anche all’aiuto di professionisti – la propria definizione di paternità e il proprio modo, unico e irripetibile, di essere padri. Mission Bambini e la cooperativa La Grande Casa di Sesto San Giovanni (MI) cercano di fare proprio questo con il servizio Terzo tempo: un progetto diviso in tre momenti – papà del passato, del presente e del futuro – che nasce proprio con l’idea di accompagnare e sostenere gli uomini nel loro diventare padri, aiutandoli a decostruire la vecchia definizione di paternità per costruire la loro, e prendendosi cura in particolare dell’aspetto emotivo, affettivo e relazionale del nascere come genitori.

Il nome del servizio – sostenuto dalla Fondazione nell’ambito del progetto Scintilla – nasce da una tradizione consolidata nel mondo del rugby: il terzo tempo è il momento in cui le due squadre e le due tifoserie, a fine partita, festeggiano insieme e mettono da parte le rivalità sportive. Il nome scelto invita implicitamente proprio a “mettere da parte” stereotipi e prese di posizioni statiche per abitare uno spazio più malleabile di confronto e possibilità.

Terzo tempo è un luogo dove poter affrontare insieme le problematiche dell’attuale società e la mancata corrispondenza tra i bisogni e i desideri dei padri del terzo millennio e la realtà che li circonda. Non si tratta però di incontri formativi, ma piuttosto di momenti che hanno lo scopo di far emergere le proprie idee di paternità e come queste idee possano essere sia messe in discussione sia esercitate. L’obiettivo di Terzo tempo non è fornire la ricetta per diventare il papà perfetto, ma quello di pensare, sperimentare e capire insieme che tipo di padre si vuole diventare.


[1] Dati INPS, citati da Save the Children, “Festa del Papà: aumenta l’utilizzo dei congedi di paternità”.

[2] Save the Children, Le equilibriste: la maternità in Italia – 2023.

[3] Save the Children, Le equilibriste: la maternità in Italia – 2023.

[4] Save the Children, Le equilibriste: la maternità in Italia – 2023.

[5] Quotidiano Nazionale, Congedo di paternità, l’Italia a confronto con i Paesi Ue.

[6] Save the Children, Le equilibriste: la maternità in Italia – 2023.

[7] https://www.azets.fi/en/blog/family-leave-model-in-finland/

[8] Il Fatto Quotidiano, Congedo di paternità, in Italia solo 10 giorni e in Spagna 16 settimane: come funziona in Ue e perchè se “non trasferibile” fa la differenza.

“AllenaMenti per il Futuro”, nuova edizione estiva

Torna da lunedì 27 maggio il corso AllenaMenti per il Futuro, in collaborazione con il servizio Informagiovani del Comune di Milano: se sei un ragazzo o una ragazza che non studia e non lavora, scopri di che cosa si tratta e comunicaci il tuo interesse!

Il corso: scopri i tuoi talenti e trova la tua strada per la realizzazione personale

AllenaMenti per il Futuro è un corso gratuito promosso dalla nostra Fondazione e indirizzato a ragazzi e ragazze, di età compresa tra i 17 e i 30 anni, che non studiano e non lavorano.

Se sei uno di loro partecipa al corso, e potremo accompagnarti a capire quali sono i tuoi talenti, le tue competenze e qual è il modo migliore per metterli in campo nella costruzione del tuo percorso di crescita.

Allenamenti per il Futuro è composto da un percorso formativo di gruppo suddiviso in 6 incontri, che alternano momenti in presenza e online. È inoltre previsto un percorso di supporto individuale – ad adesione volontaria – gestito da uno psicologo.

Gli incontri in presenza si svolgeranno presso la Sala Addestramento di Fondazione Mission Bambini in via Ronchi 17 – Milano.

Sfoglia la locandina del corso » 

I requisiti: che cosa ti serve per iscriverti

Per partecipare ad AllenaMenti per il Futuro non ti serve nulla, devi solo confermare di:

  •  avere un’età compresa tra i 17 e i 30 anni;
  •  avere la residenza a Milano o zone limitrofe;
  •  non essere inserito in un percorso di studio o lavorativo.

Vuoi iscriverti o ricevere maggiori informazioni?

L’edizione di Allenamenti per il Futuro di maggio/giugno 2024 sta per partire. Per ricevere maggiori informazioni puoi contattare:


Prima dell’iscrizione verrà fissato un colloquio conoscitivo con un referente dell’Informagiovani, per valutare insieme la motivazione e l’interesse dei potenziali partecipanti.

Scadenza iscrizioni: 12 maggio 2024

A maggio, allacciamo le Stringhe!

#educazione, #educazione italia, #progetto Stringhe, #Stringhe

Si è tenuto giovedì 9 maggio, dalle ore 15:30 alle ore 18:30, allo Stripes Digitus Lab di Milano (all’interno dell’ex sito Expo 2015) il Convegno “Educativa digitale e corporea per una didattica innovativa” organizzato da Mission Bambini e dai partner di “Stringhe: piccoli numeri in movimento”, per raccontare 4 anni di attività del progetto.

Guarda la registrazione dell’evento »

Il Convegno prende il via con l’intervento di Ennio Ripamonti, docente dell’Università Milano-Bicocca, “Povertà educativa: un quadro del fenomeno nel nostro Paese”. Segue la presentazione del progetto “Stringhe” con gli interventi dei rappresentanti di Mission Bambini, Cooperativa Stripes, Fondazione Laureus e CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto per le Tecnologie Didattiche. Sarà inoltre presente un insegnante dell’IC Cantù di Milano, che porterà la propria testimonianza sullo svolgimento delle attività di progetto in aula insieme ai bambini.

Infine, una tavola rotonda “Stringhe come nuovo modo di fare didattica: prospettive di sviluppo” sull’introduzione nelle scuole della nuova metodologia didattica.

Qualcosa di più sul progetto

Realizzato principalmente all’interno delle scuole e in collaborazione con il sistema scolastico, il progetto “Stringhe” prevede l’introduzione di attività per bambini che si basano sull’uso combinato del coding e della robotica educativa da un lato, con la psicomotricità e l’attività sportiva dall’altro. L’obiettivo principale è quello di contrastare la povertà educativa nei contesti di intervento attraverso la sperimentazione e la messa a punto della Metodologia Integrata Stringhe (MIS): una nuova metodologia didattica in grado di orchestrare innovative pratiche educative nel contesto delle attività curriculari delle differenti discipline di studio. L’obiettivo primario della MIS è potenziare l’abilità di pensiero computazionale. Il progetto, avviato nell’AS 2020/2021, è attivo in 10 scuole dell’infanzia e primarie di Milano, Napoli e Catania.

Il progetto Stringhe è stato selezionato dall’impresa sociale “Con i Bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile ed è realizzato a livello nazionale insieme a: CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto per le Tecnologie Didattiche, Cooperativa Stripes e Palestra per la Mente, Fondazione Laureus Italia, Avanzi. Si tratta del primo progetto in Italia a portare nelle scuole una metodologia integrata che unisce educativa digitale e corporea. Il convegno sarà anche occasione di confronto sul tema tra docenti e ricercatori, dirigenti scolastici, istituzioni, insegnanti ed educatori.


A livello locale il progetto Stringhe è realizzato a Milano insieme a: Comune di Milano, IC “Cesare Cantù”, IC “Locatelli Quasimodo”, IC “Trilussa”, Fondazione Aquilone, Fondazione Maria Anna Sala; a Napoli insieme a: Comune di Napoli, 30esimo CD “G. Parini”, Associazione Celus; a Catania insieme a: Comune di Catania, IC “Dusmet-Doria”, Associazione Talità Kum.

Il teatro: su il sipario dell’apprendimento

#educazione, #educazione italia, #infanzia, #scintilla

Il teatro: un luogo in cui è possibile giocare, fare esperienza della propria interiorità e della realtà esterna. Un luogo della scoperta e delle possibilità.

Approfondiamo l’arte di fare teatro con i più piccoli, come accade a Napoli al Centro Pizzicalaluna.

La funzione educativa del teatro

Nel processo di crescita dell’infanzia ci sono alcune condizioni che favoriscono gli apprendimenti complessi come, per esempio lo sviluppo della capacità immaginativa: è la capacità di usare conoscenze acquisite in situazioni precise per vivere altre situazioni, per elaborare altri concetti, per entrare in altri contesti di conoscenza, per diventare capaci di

realizzazioni più complesse. L’immaginazione porta, infatti, a esplorare molteplici possibilità e a scoprire nuovi percorsi. La finzione che richiede il teatro porta a imparare a immaginare. Se il teatro è visto come un ventaglio di opportunità offerte al bambino per la sua crescita, lo spettacolo può essere vissuto da tutti (bambini, genitori, insegnanti, educatori) come un momento del processo di conoscenza e di espressione di sé.(1)

Il gioco ha anch’esso un ruolo fondamentale: è un metodo naturale di apprendimento, fin dall’età prescolare. Attraverso il gioco i bambini sono in grado di conoscere meglio il proprio corpo, le proprie emozioni e i propri pensieri per dare spazio alla creatività.

Dall’unione di educazione e teatro può nascere qualcosa di magico. L’arte drammatica è una delle attività artistiche che meglio può contribuire allo sviluppo del bambino: per questo motivo è bene che trovi un suo posto nei programmi educativi, così come accade a Pizzicalaluna.

Nunzia Schiano, attrice di tv e teatro, dialoga con Salvatore Amabile, educatore a Pizzicalaluna, Stella Mission Bambini di Napoli.

Il teatro a Pizzicalaluna, una Stella Mission Bambini

Le Stelle Mission Bambini – presenti a Milano, Bari, Napoli e Catania all’interno del progetto Scintilla – garantiscono il diritto alla vita e allo sviluppo ai bimbi con maggiori difficoltà di accesso ai servizi, assicurandosi di porre sempre il bambino al centro.

Oggi andiamo a Napoli, nella Stella Mission Bambini al Centro Infanzia Pizzicalaluna, dove si tengono attività relative al teatro e all’espressione di sé; per la precisione, si tratta di laboratori comunicativo-espressivo a scopo inclusivo.

Il concetto di inclusione deriva dal fatto che nella “finzione” teatrale – attraverso l’immaginazione – puoi essere tutto quello che vuoi; così si supera qualsiasi tipo di barriera (disabilità, lingue differenti, ritardi e fragilità). I bambini piccoli non possono imparare una parte a memoria, il loro è tutto un lavoro di immaginazione e sperimentazione, di scoperta di se stessi e dell’altro. 

L’immaginazione porta, infatti, a esplorare molteplici possibilità e a scoprire nuovi percorsi; la finzione che richiede il teatro porta a imparare a immaginare.(1)

Salvatore Amabile, educatore a Pizzicalaluna, ci spiega: “Il nostro pensiero non si è fermato solo all’inclusione rispetto al far parte di un gruppo, ma si estende alla forma di accudimento che ognuno deve avere nei confronti dei tanti che faranno parte del gruppo stesso, mettendo in luce – come punto di forza – la diversità stessa come unicità di ognuno di noi. Questo rende quel tale gruppo unico, perché ha una propria forma data dalla bellezza che si ottiene nel farne parte così come si è… Quasi come se fosse un capovolgimento dei ruoli teatrali che per gioco si affrontano”

Il teatro in questo caso diviene lo strumento sociale attraverso cui si può entrare sia nei ruoli, sia nelle diversità che ci circondano per potersi interfacciare con esse; nel momento in cui il gioco finisce qualcosa di unico del personaggio interpretato resta con noi. Il fare insieme favorisce e arricchisce la socializzazione dando valore alla diversità.

Bambine e bambini di Pizzicalaluna durante uno spettacolo teatrale.

Qualche dettaglio sul laboratorio teatrale

Il laboratorio teatrale coinvolge tutti (educatori, esperti di attività teatrali, genitori e bambini) e quella che si crea è una vera e propria comunità.

In totale, 52 bambini nella fascia 0-6 anni sono stati coinvolti – insieme ai loro genitori, nella realizzazione dei costumi e i più piccoli (32 in tutto) anche nelle attività di laboratorio teatrale.

Tutto è stato coordinato da 2 esperti esterni e supportato da 5 educatori di riferimento e da 1 volontaria. A breve, il Centro replicherà tale esperienza per le attività di chiusura dell’anno scolastico a giugno perché, come dicevamo sopra, lo spettacolo viene vissuto da grandi e piccoli come un momento di conoscenza e di espressione di sé.

Chiudiamo con una citazione del grande attore teatrale Gigi Proietti: “Benvenuti a teatro, dove tutto è finto ma niente è falso!”.


Fonte:
(1)Gaetano Oliva – Facoltà di Scienze della Formazione. Dipartimento di Italianistica e Comparatistica, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, “La funzione educativa del teatro”

Crediti video:
Riprese: Chiara Ercolani e Victor Deleo; montaggio: Chiara Ercolani

Location:
Teatro Stabile Galleria Toledo di Napoli