Il back to school del Diario di Classe

#educazione, #educazione italia

Diario di Classe è uno spazio, proprio come un diario personale, per raccogliere testimonianze intime ed emotive e accogliere le fragilità e i momenti di confusione tipici dei giovanissimi che si approcciano al mondo esterno. Uno spazio inclusivo e non giudicante che normalizzi le vulnerabilità, le debolezze e le risorse di bambini e ragazzi che vivono le nostre scuole. Un progetto dove poter decostruire stereotipi e aspettative, dove poter mettere in discussione il mito della competizione, della performance e del merito che, molto spesso, schiacciano e opprimono gli studenti.

Il progetto è il risultato di tutte queste esperienze e del lavoro creativo dell’illustratrice Susanna Morari, che ha saputo cogliere e restituire la ricchezza delle testimonianze.

Scarica il Diario di Classe di settembre! » 

 

Settembre e il back to school

Nel Diario di settembre raccontiamo la storia di Riccardo.

Riccardo non dorme sonni tranquilli perché, ogni notte, un incubo gli fa compagnia; si sveglia di soprassalto, terrorizzato. Altre sere, invece, non riesce proprio ad addormentarsi perché continua a pensare alla sua classe: i compagni che si sono trasferiti in altre parti d’Italia e che quindi non rivedrà più, nuovi compagni che non gli sono simpatici, i compagni di sempre che non lo fanno giocare con loro. Non gli sono mai piaciuti gli inizi e gli sembra di dover iniziare tutto da capo: le amicizie, la scuola, i compiti… ha tanta paura.

Un giorno – nella classe di Riccardo – arrivano Cecilia e Margherita, le psicologhe di Spazio Mission Bambini che conducono i laboratori sulle emozioni. Parlano di tante emozioni che spesso anche Riccardo prova e che fa davvero fatica a gestire: la rabbia, la tristezza, la paura e anche la felicità. Riccardo ha sempre considerato queste emozioni come nemiche, da combattere, contro cui lottare. Cecilia gli ha insegnato che non c’è niente di sbagliato a sentire queste emozioni e che le provano tutti; Riccardo ha infatti scoperto che, come lui, anche tutti i suoi compagni ogni giorno le sperimentano. “Mi sono sentito compreso, mi sono sentito normale, uguale agli altri!”.


Negli Spazi Mission Bambini, all’interno di scuole primarie e secondarie e con il supporto di educatori, psicologi e volontari, promuoviamo il benessere degli studenti più fragili e li accompagniamo nello studio per evitare l’abbandono scolastico.

Le psicologhe Cecilia e Margherita hanno aiutato il piccolo Riccardo a gestire le sue emozioni; per scoprire come, non ti resta che leggere il Diario di Classe di settembre.

Puoi farlo qui »